ARAMIS

E’ un dispositivo robo-meccatronico concepito per la riabilitazione motoria ed il recupero funzionale degli arti superiori di pazienti con esiti di gravi cerebrolesioni. Aramis è composto da due esoscheletri simmetrici aventi ciascuno 5 gradi di libertà attivi e 2 gradi di libertà passivi per permettere una precisa regolazione sui diversi pazienti.Il paziente è seduto su una sedia regolabile che è posta al centro tra i due esoscheletri che indossa. La catena cinematica di ciascun esoscheletro è stata riprodotta partendo dai movimenti naturali del braccio umano. Ogni esoscheletro è “master” e “slave” dell’altro e può registrare il movimento dell’arto sano e replicarlo sull’arto plegico. Il programma riabilitativo viene stabilito dal riabilitatore. Il sistema permette di personalizzare le sedute o di utilizzare programmi e sedute riabilitative precaricate. Il paziente, indossati gli esoscheletri in un tempo massimo di 5 minuti, inizia la seduta in totale sicurezza con minima supervisione del terapista. Le modalità di funzionamento di Aramis prevedono:
– la possibilità di registrare il movimento tridimensionale nello spazio con l’arto sano e replicarlo in asincrono sull’arto plegico;
– la possibilità di registrare il movimento tridimensionale nello spazio con l’arto sano e replicarlo in sincrono sul entrambi gli esoscheletri;
– la possibilità di intervento del robot in modalità attiva-assistita qualora il paziente non riuscisse a completare il movimento della sua precedente registrazione. In quest’ultima modalità può essere estrapolato un indice relativo all’attività svolta dal paziente e all’attività svolta dal robot. Infine nella modalità attiva-assistita è possibile selezionare una percentuale di completamento del movimento registrato dal paziente in modo da incrementarlo in maniera graduale per incentivare il paziente nella riuscita dell’esercizio.
Il protocollo di studio è stato approvato a Settembre 2009 dal Ministero della Salute e degli Affari Sociali Dipartimento dell’ Innovazione Direttorato-Generale Dispositivi Medici e Farmaceutici e dal Comitato Etico Locale ed in accordo con la Dichiarazione di Helsinki.

PABLO

E’ un dispositivo sensorizzato realizzato da Tyromotion per la riabilitazione dell’arto superiore con particolare interesse alla movimentazione delle articolazioni di spalla, gomito e polso. Il dispositivo presenta un’impugnatura sensorizzata maneggevole collegata al PC ed integrabile in piattaforme aggiuntive per il monitoraggio dei movimenti verticali ed orizzontali delle spalle (piattaforma di alloggio per l’avambraccio) e della rotazione delle mani (piattaforma sferica per la mano). Pablo si compone di quattro sensori, tre che rilevano le accelerazioni nelle tre dimensioni spaziali ed uno che rileva la forza. I dati sono registrati come misurazioni quantitative di forza isometriche della mano ed angoli di rotazioni isotoniche della mano che consentono i movimenti di pronazione e supinazione del polso. Le modalità di impiego del dispositivo consistono sia in esercizi di valutazione che riabilitazione. La valutazione riguarda: la presa e la forza delle mani (forza di presa/estensione, presa di precisione, presa laterale, presa interdigitale, presa tridigitale), i movimenti della spalla (abduzione, adduzione, flessione ed estensione della spalla), i movimenti del gomito (flessione ed estensione del gomito), i movimenti del polso (supinazione, pronazione, flessione, estensione, abduzione ulnare/radiale) ed infine l’indice di controllo della forza. La riabilitazione è consentita mediante lo svolgimento di esercizi di precisione e reazione monodimensionali, esercizi motori e cognitivi bidimensionali ed esercizi in realtà virtuale.

 

AMADEO

E’ un dispositivo sensorizzato realizzato da Tyromotion per la riabilitazione della motilità fine delle mani e con particolare interesse alla movimentazione delle dita. Il dispositivo simula infatti il movimento naturale delle dita in tre possibili modalità: passiva, assistita e attiva. Oltre ad essere un valido strumento riabilitativo ha anche la funzionalità di essere uno strumento di valutazione delle misure di tono muscolare e spasticità. Specificatamente a queste condizioni patologiche è possibile eseguire dedicati esercizi di allenamento mirati alla spasticità e al recupero delle sensibilità.

 

ARPA

E’ un dispositivo in realtà virtuale per la riabilitazione dell’arto superiore. In dettaglio, si compone di un sistema di rilevamento del movimento (registrabile da una telecamera ad infrarossi) che interagisce con un sistema software che converte il movimento dell’arto superiore in attività esecutive per lo svolgimento dei vari esercizi riabilitativi, i quali sono visualizzati su un monitor posto frontalmente al paziente. Due tipologie di scenario sono state implementate con la possibilità di svolgimento degli esercizi indistintamente con l’arto superiore destro o sinistro.

Khymeia VRRS (Virtual Reality Rehabilitation System)

E’ un dispositivo medicale certificato in Classe I brevettato internazionalmente e basato su un sistema di realtà virtuale per la riabilitazione e teleriabilitazione. L’estrema facilità di utilizzo, l’elevata capacità di personalizzazione, la completa reportistica automatica, la funzione teleriabilitazione, sono alcuni tra i principi guida dello sviluppo continuo del sistema. VRRS, infatti, è concepito come un “HUB centrale” al quale è possibile connettere tramite USB una serie di dispositivi periferici specialistici, completamente sincronizzati ed integrati con il sistema. VRRS, con l’esclusivo sistema di acquisizione cinematica magnetica, è utilizzato come routine clinica per la riabilitazione di un ampio spettro di patologie tramite i numerosi moduli riabilitativi contenente una vasta libreria di esercizi clinicamente validati per il recupero neurologico (motorio, cognitivo, logopedico, posturografico, mano, dita e polso, capo cervicale, realtà virtuale immersiva, terapia occupazionale, sinergie muscolari) e ortopedico (caviglia, ginocchio, bacino, anca, mano, dita, polso, gomito, spalla, schiena, capo cervicale).